Fuochi

sguardiepercorsi

“È come avere un gran fuoco nella propria anima e nessuno viene mai a scaldarvisi, e i passanti non scorgono che un po’ di fumo, in alto, fuori del camino e poi se ne vanno per la loro strada.”
Vincent van Gogh (cit. In Vita e opere di van Gogh, di Frank Elgar)

Lo stato d’animo che comunica è davvero straziante. Poche semplici parole raccontano un mondo.
Al di là di van Gogh e della sua grandezza, forse un po’ tutti noi, leggendole, pensiamo ai nostri fuochi -più o meno grandi, più o meno intensi- che passanti distratti non scorgono o non sono in grado di cogliere.
Però tutti noi siamo anche quei passanti. Quanti fuochi altrui non siamo stati capaci di vedere?
È un equilibrio sempre da ritrovare quello che sta tra la legittima concentrazione sulla nostra vita e l’attenzione a quelle altrui. Non ci sono regole, né princìpi…

View original post 11 altre parole

Annunci

9 thoughts on “Fuochi

      • mentre commentavo ci pensavo, siamo individualisti?…non so, essere individualisti, o non sentirsi massa non credo significhi non interessarsi del prossimo, pensiamo che il nostro prossimo è quello sicuramente più vicino…famiglia, amici…avere sempre uno sguardo attento ed essere presenti e disponibili a loro ci permette già di riscaldarci accanto a diversi fuochi…poi, ti parlo da volontaria, le persone che incontriamo sul nostro cammino…nelle nostre giornate, che incrociano per qualche motivo la nostra vita…forse aspettarsi che il mondo si accorga del nostro fuoco è un pò troppo…basterebbe anche solo una persona, ma a volte manca anche quella…

  1. Giusto! Spostiamo altrove quell’obiettivo sempre puntato su noi stessi.
    IO IO IO… Questa è la società dell’io. Tutti parlano e nessuno ascolta.
    Quante volte pensiamo di non essere stati giustamente considerati, trattati, ringraziati ecc.? Ebbene, almeno altrettante volte non lo avremo fatto noi agli altri.

    • Sì…. sì…. “una qualche forma” di pigrizia.
      Forse anche perchè non se ne ha bisogno. Voglio dire: se uno ha già a sua bella famigliola del mulino bianco, non è portato a fondersi con altri…. mentre chi ,per esempio, divorzia o vive una disgrazia si trova in uno stato emotivo che lo porta ad avvicinarsi agli altri, a cercare l’empatia con qualcuno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...