Senza Facebook

Capture
Mi hanno bloccato l’account a causa del nick che ha fatto ampiamente sospettare che non fosse il mio nome reale (e forse, ho il sospetto, anche a seguito di una segnalazione di qualche pezzo di merda con cui ho dibattuto su una pagina).
Sta di fatto che se non mando un documento di identità, sono fuori. E non glieli manderò MAI! Ho inviato l’immagine di una pernacchia, ma credo che non abbiano gradito.
PS: ma quella frase (nell’immagine) che senso ha? Se io desidero…loro mi contatteranno…? mah…
Ho ovviamente pensato a farmi un nuovo account con un nome sempre falso ma più credibile, ma sai che palle richiedere l’amicizia a tutti per poi magari venire bloccato nuovamente?

Alla fine mi sono detto: ok, Facebook è bello perchè mi tiene in contatto con gli amici anche quando non posso vederli dal vivo, bla bla bla,  fa sentire meno il distacco da persone conosciute in vacanza o appartenenti al passato, bla bla bla; ok, questo è bello… ma di fatto in cosa consistono questi rapporti sociali?   Cazzate!
La gente ,che pure dal vivo non fa chissà che discorsi profondi, su Facebook scrive solo minchiate. E questo nei casi migliori! Altrimenti di solito nemmeno scrivono: condividono e basta. Vignette e catene trovate quà e là.

Quindi per ora c’ho rinunciato e stop. Mi sto disintossicando e devo ammettere che è un po’ come smettere di fumare: spesso prendo in mano il cellulare e punto il dito sull’icona blu come un ex-fumatore cercherebbe istintivamente il pacchetto nella tasca per poi ricordarsi che…”ah già: ho smesso 😐 “.
Devo ammettere che ciò mette un po’ di smarrimento: non so cosa fare nei momenti di noia e uno smartphone senza facebook perde buona parte del senso.
E ,come un ex-fumatore si dedica al cibo o al chupachupa (come il tenente Kojak), pure io ho notato che ora mi dedico maggiormente ai blogs e alle chat su un gruppo di Whatsapp.
Sì, me ne rendo conto: sono drogato. Ieri durante una passeggiata ho sentito il chicchirichì di un gallo e ho pensato “ma di chi è questa suoneria?”, mi sono guardato attorno e…c’era
un gallo.

Però quella richiesta di documenti m’ha messo addosso un pensiero peggiore: la tendenza è questa, la vecchia internet finalizzata al cazzeggio anonimo sta lasciando il passo a una
internet dove saremo tutti schedati, gestita solo da un paio di colossi che conosceranno tutte le nostre abitudini e tutti avremo un unico account per tutto.
Google è anche youtube, posta elettronica, G+, calendario con gli appuntamenti, navigatore, SMARTPHONE ANDROID (!!!!). E io ,usando Whatsapp, sto indirettamente continuando a dare a Mark Zuckerberg il mio numero di cellulare (la sim è registrata a mio nome) e quello di tutte le persone che ho in rubrica.
Sinceramente TEMO che un giorno sarò costretto ad avere un account facebook con identità confermata (come sono costretto ad averlo con google se voglio usare il mio smartphone) e TEMO che questi 2 colossi saranno i futuri dominatori silenziosi della nostra vita quotidiana.

Annunci

33 thoughts on “Senza Facebook

    • NO! Senza smartPhone è impossibile!! Non ce la farei mai!
      Non è possibile tornare agli sms, alla vita senza gps, senza indicazioni istantanee sulla presenza di bancomat/benzinai/ecc, senza fotocamera incorporata, senza previsioni meteo quando mi pare…
      Toglietemi tutto , ma non il mio smartPhone! NOOOOOOOOOOO!!!!!!!
      😀

      • Eppure vivo benissimo, o quasi! SMS: ne scrivo pochissimi, preferisco telefonare. GPS: ho una magnifica collezione di cartine cartacee, mai perso per strada! Apps: trovo tutto parlando con il prossimo in-carne-ossa, non sai quanto siano gentili le persone se le fai sentire importanti! Fotografie: okkei, devo cambiare la mia vecchissima CoolPix 😛
        Previsione del tempo. Parliamone, con mia madre, la sua passione, ti dice anche quelle antartiche 😀
        Ciao
        Sid

        • Mi sembri un mio collega che dice di non avere la TV e io penso lo dica solo per non pagare il canone 😀
          Ma dopo aver fatto figli ha capito che non è possibile vivere senza l’aiuto di un ipnotizzatore elettronico, quindi ora ha un pc portatile per vedere i cartoons.

          • Ma non rinnego la tecnologia, al contrario, la uso con parsimonia, quando strettamente necessario 😛
            Come per tutte le cose, ci vuole equilibrio. Ed equilibrio non è aver bisogno di un telefonino per ogni cosa-fatto-azione!
            Il tuo collega è un volpone, non paga il canone e scarica i pargoli davanti allo scatolone 😉
            Ciao
            Sid

  1. Ah!ah!ah!ah! No ma ti prego!!!! In quale paco trovi un gallo??? Comunque anche io sono una drogata di Facebook, Whatsapp & Co., ma fortunatamente non sono per niente tecnologica, quindi mi perdo un sacco di “novità comunicative” restando sulla strada classica del “io non abbrevio e scrivo in italiano”…

  2. Vent’anni fa non c’erano ipod, ipad, ipid, facebook, whatsapp, whatscazz, google+, youtube e porntube ecc… eppure non eravamo insoddisfatti o infelici. A me bastava una letterina cartacea di un’amica di penna della Lituania, bionda come un angelo e che mi scriveva ogni tre mesi, per sognare ed esultare di gioia. Andavamo lo stesso in montagna, o in viaggi anche avventurosi, e come ho scritto in un mio vecchio post dei primi mesi del 2012: “bastavano una pizza Margherita e una birra per essere felice”. Forse abbiamo troppo. Forse occorrerebbe decelerare. Andiamo sul pratico: ti annoi senza FB sullo smartphone ? Torna a leggere ! …normale, vecchia, banale, frusciante carta scritta. Compra i tre volumi dell’epico viaggio a piedi di Bernard Ollivier, che a sessant’anni suonati con uno zaino da trenta chili ha percorso l’intera via della Seta dalla Turchia alla Cina. L’ho letto in viaggio e mi ha tenuto una gran compagnia. Un caro saluto.
    Lupolibero.
    PS lo conosco bene quel cortile, ho capito quale !!! 🙂

    • Ehh però porntube……! 🙂
      Certe volte penso anch’io a come risulterebbe vetusto oggi il modo di comunicare che avevamo una volta.
      Pensa a come si lavorava senza email, senza FAX! Dico: SENZA NEMMENO IL FAX!!!!!
      Certo che una volta la società lo permetteva: tutte le aziende erano nella stessa condizione, quindi non si potevano pretendere tempistiche migliori.
      E quando si aveva appuntamento con un amico e lui era in ritardo (o finito all’ospedale, anche) non c’era modo di contattarlo!
      Ora sappiamo tutto di tutti e di tutto, subito, in tempo reale. E viene considerato inaccettabile il modo di vivere del passato.
      Ultimamente google street view sta iniziando a fotografare anche i sentieri!!!!!!!! Diska diventerà presto un pivello. 😀
      A me ,da tecnico, non dispiace questa possibilità di avere tutte le informazioni che voglio quando voglio, tuttavia da umano trovo che stiamo un po’ perdendo quel gusto dell’ignoto, del “chissà”, dell’ “andrà come andrà”.
      Di questo passo vorremo anche sapere la data della nostra morte, per poterci organizzare meglio 😦
      Va bene le performance professionali, ma un po’ di imprevedibilità nella mia vita privata vorrei mantenerla.
      E un buon libro è sicuramente più costruttivo di facebook.

  3. Pensa che non solo non ho facebook, ma nemmeno whatsapp (l’avrò scritto giusto? boh).. ah gia, ho un normalissimo cellulare logico dunque che non abbia un bel nulla di ciò di cui parli, eppure vivo benissimo, anzi proprio non ne sento la mancanza.
    Sarò indubbiamente un tipo strano, ma io gli amici preferisco chiamarli o, meglio ancora, incontrarli ogni volta che posso, l’SMS va bene per una comunicazione veloce (ma se posso preferisco chiamare anche in quel caso) che non richiede un “botta e risposta” infinito.
    Whatsapp…che roba è? (lol)
    Ricominciate a incontrarvi nel “reale” ragazzi, un mucchietto di bit non può sostituire il piacere di vedersi/sentirsi con famiglia e amici: le amicizie coltivate davvero restano (e danno calore), gli impulsi elettronici durano lo spazio di un secondo, non “ci sono” quando ne hai bisogno (o quando sono gli altri ad aver bisogno di te) e, soprattutto non ti fanno compagnia nè ti danno quel calore che solo un incontro rele può darti.
    Però, ripeto, io sono strana.

    • Si riapre l’eterna diatriba….
      Secondo me ,per le persone senza particolari patologie mentali, non nasce alcun problema: i rapporti interpersonali dal vivo continuano a esistere con la stessa frequenza, mentre la comunicazione elettronica si AGGIUNGE a quella dal vivo, NON LA SOSTITUISCE. Al limite viene sostituito lo strumento di comunicazione a distanza, quando a distanza deve esserlo per forza (per esempio il telefono al posto del piccione viaggiatore).
      Se vogliamo fare per forza i conservatori ,i “no-tech”, allora dovremmo disdegnare anche i cellulari non smart, anche qualunque telefono e anche il piccione viaggiatore.
      Ma in una società dove ormai è normale avere almeno un telefono di quelli col disco dove si infila il dito per comporre il numero, se si decide di non adeguarsi si resta tagliati fuori.
      Lo stesso principio è valido anche riferendoci ad altre epoche: se tutti i tuoi amici si mettono d’accordo tramite telefono a manovella e tu sei l’unica ad essere rimasta al piccione viaggiatore… o qualche anima pia si prende la briga di farti da collegamento col resto del mondo mandandoti un piccione, oppure resti tagliata fuori.

      Probabilmente i tuoi amici (quanti anni hanno?) non usano strumenti diversi dal tuo per accordarsi tra loro.

      Io sto vedendo di non tornare in facebook solo perchè non è necessario esserci: i miei amici non organizzano niente tramite quello strumento. Altrimenti mi ci iscriverei nuovamente.

  4. Non essendo su FB non so dirti, ma posso comprendere la “crisi di astinenza”. Mi accadde per yahoo giochi (literati), quando chiuse mi sentii privata da un piacevole passatempo, solo quello perchè non coltivavo contatti coi giocatori. E’ passato qualche anno ed è passata anche la crisi: ho trovato il blog 🙂
    Beh, prova altro, non so, qualcuno parla bene di instagram, altri di twitter. E riprendi in mano vecchie abitudini, dai libri alle telefonate, dai film alle passeggiate, alle birre con gli amici (dal vivo).

    • Ah, ci puoi scommettere! Anzi, quelle abitudini non le ho mai perse.
      Ho sempre usato facebook come si gioca a carte al “solitario”: un modo per riempire i tempi vuoti. Mai ho dedicato del tempo ai socialnetwork sottraendolo agli amici “dal vivo”!

  5. bah!
    si inizia per riempire i tempi morti e si finisce per riempire i tempi pieni …
    si finisce per parlare con le persone in modalità zig zag.
    un occhio all’interlocutore e un occhio al cellulare.
    a pensarci su un attimo ti rendi conto che questi nuovi modi di rapportarsi alle persone sono un po’ cose da pazzi.

    • Allora ho fatto bene! 🙂
      Tra l’altro sto scoprendo che è bello non sentire più le cattive notizie delle “vignette-catene” di facebook, non leggere più le rancorose vignette condivise dai nostri amici più paranoici (il vero amico è quello così, l’altro è il falso amico, ecc), i like, ecc…
      Ultimamente un’amica m’detto “ma per caso sai se tizia ha qualcosa con me? Perchè prima mi metteva sempre i like, ma ora è da un bel po’ che non la sento più”.
      Giuro! E’ la verità! E parliamo di persone di 40 anni, eh!

      Insomma, è magnifico star lontano da questo mondo di paranoie.
      L’unica mancanza che sento è dovuta al fatto che a me piace fare foto, ma se poi non ho nessuno a cui farle vedere…mah…mi cade una parte dello scopo.

  6. Io ho il blog, un canale sul tubo, un account su Pinterest e basta. Sto benissimo così, non voglio altro. FB non mi piace, non m’interessa, non mi attira. Indubbiamente si può avere una vita sociale molto intensa, sia sul web sia fuori, anche senza FB.

    • Dipende anche dalla quali sono i propri interessi ed esigenze: indubbiamente facebook è molto pratico per poter lanciare una proposta e vedere tra gli amici chi è interessato.
      Però a pensarci bene…. forse…. mah… direi che è il metodo dei “timidi”: anzichè ,x es, fare un giro di telefonate, ecco che ci si affida a questo sistema che è meno invadente (quindi si ha la scusa di non voler disturbare) ma come rovescio della medaglia ha il fatto d’essere poco incisivo e lasciare così tutto a mezz’aria.
      Se telefoni ti devono rispondere “sì”, “no”, “ti farò sapere entro”. Se invece lanci una proposta con modi meno invadenti, tutto resta campato per aria.
      Forse è così: facebook serve a chi ,subconsciamente, HA PAURA DEI RAPPORTI SOCIALI. Per timidezza, per insicurezza…

    • Una volta mi sa che ci sono andato vicino: ho scoperto un blog riguardante l’emarginazione/bullismo/stalking ed era di una tizia che nella sua vita s’è sentita trattata male da tutti: partendo dal medico che l’ha fatta uscire dall’utero materno, fino a ogni collega di lavoro (nessuno escluso) passando per insegnanti, compagni di scuola, amici, vicini di casa, parenti, ecc… tutti!
      Bene, io mi sono permesso di dire che se abbiamo problemi non con 1 o 2, bensì con TUTTI, forse sarebbe utile mettersi in discussione e iniziare a pensare che magari c’è in noi qualcosa che non ci fa essere simpatici alle persone. Solo questo e solo 1 commento. Stop.
      Beh… mi ha minacciato di denunciarmi per stalking.
      M’ha colpì tanto da ispirarmi alla scrittura di questo post:
      https://sognatorefallito.wordpress.com/2014/02/21/il-peggiore-difetto/

      • Ma tu te la cerchi! Sai quanti pazzi furiosi ci sono in rete? Ne ho trovati anch’io di blog dove l’autore non fa che piangersi addosso (terapia?) e di solito mi tengo alla larga.

  7. Beh….onestamente fb mi fa compagnia quando faccio la fila dal dott o alle Poste…. Per il resto uso la musica, i libri….ne leggo una caterva… le donne….e ultimamente qualche gruppo che è incasinato ed io provvedo ad incasinarlo di più’….. Mi dispiace che ti abbiano cancellato…. Prova a mettere un altro account….magari con nome quasi simile…. Per i contatti, all’inizio manda qualche sms …. ai veri amici…. Io ne ho una ventina che conosco personalmente…. Poi vai avanti…. Secondo me dovresti farlo per non darla vinta alla direzione italiana…… Coraggio !!! ….sempre se non puoi resistere…. Tra i miei parenti io sono l’unico che ha fb….gli altri vivono la realtà….e sono felici…

    • Non ne sento la mancanza.
      I miei amici hanno tutti anche whatsapp o comunque un telefono.
      L’unica cosa che mi dà fastidio è dover immettere quei caratteri di controllo tutti (sbilenchi) per poter vedere la pagina facebook di qualche ristorante, pub, ecc, che ha pensato di farsi il sito solo su quella piattaforma.

  8. Con la tecnologia ci campo, ed innegabilmente è un aiuto. Ma se hai davanti un piatto con mezzo chilo di pasta non sei obbligato a mangiarla tutta 😉
    Su FB sono stato costretto a creare un profilo personale per poter avere anche una pagina aziendale, e così ho inventato un nome palesemente fasullo; ma tanto quel poco di interazione, fatto peraltro attraverso il nome aziendale, lo demando alla mia segretaria.

    Quello che affronti è però un tema vasto e delicato: il mercato delle informazioni personali. Oramai per qualsiasi cosa in internet viene richiesta una registrazione, e i nostri dati sono oggetto di vendita a chicchessia …..spesso ti viene richiesto di mettere “obbligatoriamente” il numero di cellulare, e poi – guarda caso – dopo pochi giorni iniziano ad arrivare le chiamate dei call center. Per non parlare poi dei “dati di profilazione”, che attraverso i cookies spiano le pagine che vai a leggere; mi sono rotto i maroni di trovare pubblicità invasiva di quanto ho cercato in rete ieri.
    Certo puoi disabilitare alcune funzioni, e rifiutare la registrazione in altri siti, con la conseguenza che la tua attività ne risulta limitata.
    Sarebbe necessaria una riflessione approfondita, ma si andrebbero a toccare interessi economici enormi, e quindi finisce tutto con un’alzata di spalle.

    • Pienamente d’accordo.
      Io cerco di non dare mai dati veri, ma in qualche caso è impossibile non darli: l’esempio classico è il cellulare con android.
      Del resto ogni cosa ha dei pro e dei contro e ,come abbiamo accettato altre tecnologie anche coi loro rovesci della medaglia (per es: l’automobile ha portato a vivere lo stress del traffico e il pericolo degli incidenti) , prima o poi accetteremo anche la profilazione operata dai colossi di internet.

  9. Internet è solo uno strumento ed io condivido il fatto che, se vuoi usarlo, devi accettare le sue regole. Si, raccolgono tutti i nostri dati e allora ? Cosa abbiamo da temere ? Viviamo di paure senza senso solo perchè potrebbero usare le nostre identità per rubare il codice di avvio di una testata nucleare… Allora è meglio leggere un buon libro e vedere le persone che stimiamo di persona, magari con un pò di fatica a trovare il tempo ma è decisamente un’altra cosa. Non sono iscritto su Facebook e non mi iscriverò mai come non ho uno smaTTphone ! Semplicemente non mi serve ! Ho però un telefonino nokia da 19 euro che permette di telefonare e mandare SMS oltre che sentire la radio FM !
    Bisognerebbe in qualche modo non farsi ubriacare da tutta questa roba un pò inutile !

    Ciao.
    Stefano.

    • Nooooooooooooooo! Anche tuuu…. col telefono che riceve solo telefonate e sms…..!!!!

      Io mi iscrivo su qualunque sito solo con dati falsi, soprattutto riguardo numero di telefono e indirizzo di casa.
      Purtroppo avendo uno smartphone android ho dovuto fare un account google indicando il mio vero numero di cell.

      Riguardo fb nello specifico, ritengo che sia il social network più inutile del mondo. E temo che in fondo in fondo la causa di ciò è la mancanza di anonimato tra gli utenti (su fb si usa interagire con amici che si conoscono realmente, dal vivo).

      • Non condivido il fatto di usare informazioni false.. Con l’indirizzo IP possono venirti a trovare in ogni momento (Anche se usi una VPN)…Quindi… Perchè non dichiararsi per quello che si è ? Compro un sacco di cose su Amazon e uso internet Banking e sono circa 345 anni che uso la carta di credito ovunque…Non ci crederai ma anche su Internet…Enon mi hanno mai fregato un cent 🙂

        Va beh, ti perdono ! Sei un internauta incallito e non puoi farne a meno e quindi usi con profitto lo smartphone 🙂

        Ciao !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...