Un’altra estate

E’ arrivata. Ci siamo. Ormai è scoppiata in pieno.
Sono state belle quelle settimane in cui ,qui al nord, faceva ogni giorno un paio di rapidi e intensi temporali… e le ricordo con dolcezza, ma ormai la bella vita è finita: adesso è iniziato il caldo vero, quello bastardo, infame e menefreghista, quello che infierisce anche se sei già sudato, spossato e innervosito dalle scarse ore di sonno notturno.

Non si scappa: fino a settembre lo dobbiamo sopportare.
Ma prima di settembre devono passare tante giornate di casco con l’imbottitura fradicia di sudore, di giubbini neri roventi, di mutande e palle bagnate, di caffè nelle tazzine roventi (ma dico: in estate tenetele in freezer, no?!)… e ,quel che è peggio, un certo numero di giornate in spiaggia con gente che ama il mare e che, tutti belli allegri e incredibilmente senza nemmeno una goccia di sudore, si stupiscono del fatto che io invece non apprezzi quella situazione.
E alla sera io sono ustionato, loro no, e mi dicono che invidiano la velocità con cui io mi abbronzo!
Chiedo: a voi (amanti della temperatura sotto ,almeno, i 27 gradi) non fanno incazzare quelli che dicono “ah…che caldo..!” mentre hanno la pelle completamente asciutta (come se fossero a 2000mt) mentre voi avete le gocce sulla fronte e altre che vi solleticano sotto la maglietta dove appaiono vistose chiazze che vi tolgono anche l’ultima speranza di avere ancora un aspetto dignitoso?

Resto ogni giorno in attesa del tramonto di quella dannata palla radioattiva, ma a quel punto le zanzare gli danno il cambio dandosi un colpo di mani come fanno i lottatori di wrestling quando sono stanchi ma non vogliono concedere pause all’avversario.
Quando si esce per un bel birrone fresco con gli amici bisogna ricordarsi il repellente, altrimenti le serate all’aperto ,uno dei pochi aspetti positivi dell’estate, sono rovinate dal prurito alle caviglie.

Mi consolerò leggendo gli articoli di altri bloggers che come me aspettano l’autunno con la stessa gioia e ansia di un carcerato ormai vicino al termine della sua pena

6eea87e95bcec11afdeaf2fc06c8050d

8 pensieri su “Un’altra estate

  1. Io purtroppo adoro l’estate anche se come te mi ustiono con niente (ma si sa, la pelle chiara è da nobili!) e odio quelle puttane succhiasangue delle zanzare, che si divertono a banchettare sulla mia pelle!
    Però mi spiace, non scambierei mai gli abiti leggeri, le giornate lunghe e le serate che ti fanno venire voglia di uscire, il sole e il mare (o la piscina), i sandali e le ustioni (che alla fine diventano un po’ di abbronzatura e finalmente la gente smette di dirmi che sembro morta o ammalata), con le grigie giornate invernali, che durano poco e ti costringono a strati e strati di vestiti che manco l’omino michelin, e quando devi uscire dalle coperte calde la mattina e affrontare il mondo, inizi subito a imprecare per il freddo.. per non parlare poi della tavoletta del water o quando bisogna uscire di casa che piove a dirotto!

    • “la tavoletta del water”?!?!? 😀 😀 😀 😀 😀
      Con tutto quello che ci sarebbe da dire sull’inverno….. 😀 😀 😀

      Ma pensa che in inverno si possono mangiare cibi più pesanti e calorici, pensa al brasato con la polenta in qualche posticino di montagna, pensa al vino rosso!

  2. presente, odio l’estate con tutti gli annessi e connessi fin da bambino. non mi piace andare in spiaggia (a parte un breve periodo della mia vita in cui mi piaceva prendere il sole), sudo un casino (non giocavo al calcio balilla al bar proprio perchè sudavo al secondo colpo di polso) e vengo attaccato dalle zanzare a frotte… odio l’estate e tutti quelli che in inverno si lamentano del freddo e l’estate poi del caldo… odio l’estate e il fatto che i vari parassiti si approprino delle mie piante… odio l’estate (punto).
    Quasi quasi copio e incollo il mio commento e ci faccio un post sul blog ahahahahah

    • Eppure vivo attorniato da gente che ama il sole, il caldo, la spiaggia, ecc. E considerano l’inverno la brutta stagione.
      Ma quel che più mi fa imbufalire è che sognano di vivere nelle regioni del sud, dove c’è solo sterpaglia bruciata dal sole (e dai piromani) e un caldo peggio che all’inferno.

  3. Nel leggerti sono morta dal ridere, grazie. Hai ragione su tutta la linea anche se io amo il mare, all’estate torrida preferisco un mite autunno e mi dispiace confessartelo così… ma non sudo. Credo sia una questione ghiandolare 🙂
    Buona estate dai, da noi in questi giorni diluvia così tanto che dobbiamo uscire da casa col canotto.
    Stefania

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...