Fine di un motociclista

Poche righe. Tanto è inutile.

Un piacevole giretto in bicicletta col fresco dell’autunno. Son passato davanti al un negozio di abbigliamento per motociclisti, mi sono fermato a osservare la vetrina, poi sono passato oltre…

Nella vita non è come nei film: non parte la triste musichetta di sottofondo e non ci sono spettatori che si emozionano nel vedere la situazione.
Tutto resta banalmente come al solito: il vento, la strada, le auto, la gente…
E il pianto resta segreto.
Cattura.PNG

8 pensieri su “Fine di un motociclista

  1. Non so cosa ti abbia portato a rinunciare alla moto, ma so quanto è dura lasciare. Io l’avevo scelto, spero sia così anche per te: scegliere è dura ma rimane una scelta consapevole… molto peggio se l’hai dovuto subire. V

  2. Come commento credo the in calce, la nota “Questo articolo è stato pubblicato in solitudine, Tristezza, Tristezza, vita di merda” faccia comprendere, seppur velatamente, che in fondo in fondo questa rinuncia ti vada stretta… 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...