Sono strano: non gradisco le tribolazioni

Tratto da un post su https://oltreilbordo.wordpress.com :
“Di sicuro una persona che è sommersa da mille impegni non ha neanche il tempo di pensare, quindi non può essere depressa. Disperata sì, ma depressa no.
Molti anni fa (e forse ancora oggi) ai depressi veniva consigliato di farsi una famiglia. Per parte mia posso dire che voglio sì cambiare la mia vita, ma certamente non in peggio.
Ho già troppi nodi da risolvere con me stessa che non voglio ulteriori problemi da risolvere.
Certamente, i miei problemi resterebbero in seconda linea dietro a quelli di un infante da mantenere e starci dietro, ma non verrebbero cancellati. Sarebbero soltanto spinti in fondo al cassetto.”

Non ho e non ho voluto figli. E non è solo una questione di figli, bensì di rotture di palle in generale: la gente si lamenta ma in realtà adora i guai perché si sentirebbe vuota se non avesse niente per cui tribolare e lamentarsi.
Certe volte mi chiedo se io sono un “diverso”, un essere umano uscito male.
Possibile che io non abbia questo istinto che hanno tutti?
Possibile che solo io capisca che è una stronzata?
Possibile che solo io veda quanto è inutile questa vita e non mi vada a genio di stordirmi, di drogarmi, con religioni o impegni che possano evitare di lasciarmi vedere la realtà?
Certe volte mi faccio paura da solo 😀

Immagine

6 pensieri su “Sono strano: non gradisco le tribolazioni

  1. La voglia di suicidarmi l’ho messa in stand by, sono troppo curioso di vedere quali altre rogne mi capiteranno. Di vedere quanto in basso ancora dovrò cadere

    Fare un figlio per non pensare alla propria situazione vuol dire rovinare due vite, non solo la propria. Ma fare un figlio vuol dire fare un gesto d’amore e se c’è quello, tutto il resto non conta.

    • Bello il motivo per non adottare la scelta del suicidio!
      Dicono che chi si suicida lo fa perché non vede via d’uscita, non vede possibilità di cambiamento. Invece noi la vediamo: al ribasso, ma la vediamo 😀 😀

  2. Direi che fare un figlio non è una cosa che si fa a cuor leggero e penso anche che prima è una vita e dopo è un’altra vita (che ovviamente non puoi conoscere). Ho un figlio già grande e sinceramente non so risponderti sul perché ho un figlio ! C’è ! Sono contento del percorso fatto, faticoso ma piacevole. Non so, deve essere una cosa che c’è in noi, anche io prima pensavo fossero solo scocciature ma dopo, comunque la vita è cambiata, non so se in meglio o in peggio ! E’ solo cambiata.
    Se non si accettano cambiamenti non si accetta la vita per quello che è ! Un casino bestia !

    In ogni caso, qualsiasi scelta si faccia, è sempre la scelta giusta per chi la fa ! Non si sbaglia mai su queste argomentazioni !

    Non ci sono paletti o chissà cosa ! E’ tutto abbastanza casuale come d’altronde tutto quello che ci capita !

    Se ci ammaliamo gravemente, probabilmente non l’avremmo voluto ma ci tocca subire il cambiamento !

    Ciao.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...