Nostalgia nostalgia canaglia

Sarà la pioggia, sarà che ho poco da fare e ho trovato ,su un mio harddisk esterno, dei progetti di weekends che in passato preparavo o ,più probabilmente, sognavo di tenere in caldo per il futuro. Mi chiedo quanto tempo sto perdendo…….
Mi chiedo se magari ,anche se facessi tutto, potrei scoprire che non mi danno quella soddisfazione così intensa che immaginavo.
In fondo molte di queste… “idee per il weekend” sono una speranza di replicare ciò che avevo fatto in passato e che mi era piaciuto, ma sappiamo tutti che la seconda volta non si ottengono le stesse emozioni percepite nella prima.
Anche perché nella prima ero con amici. Poi il tempo è passato, la gente è cambiata, la vita è cambiata.
Tutto scorre. Panta Rei.

Ho una voglia matta di autunno con camino, di andare in un rifugio di montagna dove c’è la stufa in ghisa, inebriarmi di colori dell’autunno, mangiare un minestrone fumante su un tavolone di legno spesso e grezzo mentre guardo l’autunno attraverso la finestra con le tendine a quadretti.
E mi manca tantissimo la roulotte, coi miei genitori.
Mi manca la pioggia vista dalla finestra di plastica della roulotte,
mi mancano le castagne fatte sul fuoco in campeggio,
mi manca il fumare di nascosto,
mi mancano le ragazzine carine che mi davano quasi sempre picche e l’eccitazione infinita nel baciarle (che ormai nemmeno il sesso più sfrenato riuscirebbe più a dare),
mi manca la panchina del parcheggio salendo in paese,
mi mancano le confidenze con qualche amico in crisi adolescenziale catalizzate da alcool e delusioni amorose,
mi manca il salire in auto coi genitori che mi portano loro in campeggio coi loro borsoni pieni per la cena del sabato e il pranzo della domenica,
ahhh le mangiate in campeggio…! Lo scambio di assaggi con le altre famiglie di campeggiatori, le pietanze delle altre mamme coi loro sapori diversi da quelli della cucina di mia madre, il vino del padre del fidanzatino di mia sorella, il freddo che entrava ogni volta che si apriva la porta del gabbiotto in legno mentre nell’aria regnava l’odore del taleggio di mio padre o del caffè con la grappa alla ruta,
mi manca il freddo di cui nessuno si lamentava in quanto del tutto normale,
mi manca l’andare a prendere l’acqua alla fontanella…

Queste cose mi mancano più della mia vita da motociclista.

Non ho alcuna foto di quei momenti, di quel periodo tra gli anni 80 e 90. E comunque non riuscirebbero a trasmettere ciò che sto provando.

Piove ancora.
Sono le 12:30. Andiamo in mensa, và…

5 pensieri su “Nostalgia nostalgia canaglia

  1. La vicenda della seconda volta che non eguaglia mai la prima non è del tutto vera: l’ho sperimentato personalmente svariate volte. La Sardegna in bici a 19 anni aveva un sapore; quella dei 47 un altro. Più maturo, posato. Ma l’odore di mirto nell’aria era lo stesso, e il rumore del mare pure.
    Vorresti replicare belle cose fatte in passato ma razionalizzi come la volpe con l’uva troppo alta sulla pergola. Racconti a te stesso che “si va bè tanto non sarebbe lo stesso” –

    Ti manca(no) belle cose della giovinezza, periodo della vita in cui a parte i dettagli specifici, erano gli “altri”, quasi sempre i genitori, a risolvere per noi i problemi.
    Non si può riavvolgere il nastro – e il dentifricio non rientra da solo nel tubetto. Ma si possono rivivere momenti splendidi di isolata felicità. Il bagno nudo del lago di montagna te lo ha insegnato.
    Hai percepito molta Vita, in quell’occasione. Ed è accaduto appena due mesi fa.

    • [Tentativo di replica]
      Sì e no: come dici tu si noterebbero delle grandi differenze e ,giustamente, potrebbero anche non essere affatto male. Anzi renderebbero nuova anche l’esperienza ripetuta.
      Ma se però lo scopo è replicarla esattamente?
      Se ricordo le serate di fine ottobre a cuocere le castagne in compagnia mentre ci si scaldava col fuoco e con un fiasco di buon rosso e c’erano con me persone che ora sono perse nelle strade della vita (uno è pure morto), sarebbe molto diverso rifarlo in solitaria: non è certo per le castagne e il fiasco di rosso che vorrei rifarlo!
      A quel punto tanto vale non farlo con in testa il tentativo di replicare, altrimenti ci si rimane davvero molto male.

      [nuovi momenti buoni]
      Ahhhhh… che figata!!!
      Nel periodo delle feste natalizie dovrei essere libero e uccel di bosco. Peccato che è inverno.
      Magari mi faccio una notte in qualche bivacco con camino e ben fornito di legna.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...