Luogo preferito?

Ispirato da:
https://viaggioconlafotografiailariafenato.com/2016/04/13/il-luogo-preferito-a-voi-la-parola/

Molti dei miei posti preferiti non esistono più, perchè il bello non consisteva nel luogo in sè bensì nella circostanza. Circostanza fatta di amici, spensieratezza, momenti di vita particolari…
Poi le cose cambiano, la gente cambia, gli amici si perdono nelle strade della vita, noi siamo sempre meno spensierati…

Se proprio devo indicare un luogo fisico, mmmm… beh… son molti e nessuno. Butto lì: la Valsassina, perchè la frequento fin dall’infanzia e ai miei occhi è più affascinante delle delle Dolomiti, dell’Himalaya!20151129_12200
In particolare quando riesco ad andarci da solo, perchè così riesco a…perdere tempo, a imbambolarmi guardandomi attorno inutilmente, per perdermi nei ricordi, inebriarmi dell’odore dell’erba, annoiarmi tra le montagne, annoiarmi guardando le nuvole che assumuno tantissime forme, fare una faticosa camminata per arrivare là su quel pizzo dalla forma particolare che da bambino ho spesso osservato immaginando di poter volare per arrivarci, fare fantasie su future magnifiche escursioni (sì: una altra escursione, ma quella sarebbe più bella), fantasticare sull’idea di passare una notte sotto le stelle su qualche cucuzzolo isolato (sì: un’altra volta… ma quella sarebbe più affascinante).DSC_0031Funziona anche a distanza. Anche in questo momento la penso e immagino di andarci a fare qualche magnifica giornata e ,come ogni volta, mi convinco (chissà perchè) che al ritorno mi sentirei diverso, rigenerato, nuovo, anche più saggio.
E invece… son sempre il solito.

20151129_133941

 

Vivo, morto o… zombie?

tumblr_n9kjtnuQ1W1tzzsmqo1_500

http://www.ilnavigatorecurioso.it/2013/11/01/gli-zombie-come-metafora-dellumanita-del-xxi-secolo-morti-viventi-e-schiavi-della-moda/

Riporto qualche pezzo:

Ci dice Aristotele, dal IV secolo a.C.: schiavo è chi non appartiene a sé stesso.

[Gli Zombies] “non operano in funzione di nessun principio razionale individuale: non hanno nessuna coscienza, sono automi costantemente alla ricerca di esseri umani da divorare.
Non si può trattare con loro: non parlano e non sembrano avere volontà propria, non creano entità politiche o sociali riconoscibili, sono semplicemente masse di corpi indifferenziati, corrotti e corruttori, senza altro scopo che uccidere gli essere umani “normali” e renderli come loro.
Forse quello che risulta più orripilante è che questo zombie, oltre alla carenza di coscienza, non ha nemmeno una volontà individuale: si tratta di un ente ridotto ad un semplice corpo putrido che si muove con la stessa logica di un esercito di formiche: non ci sono individui, solo masse.”

zombie

tumblr_n9mrisH3B41tzzsmqo1_1280

Martedì

Lo scrivo ora, ma non perchè adesso ci sia un motivo particolare: è un pensiero che mi attanaglia di anni (praticamente da quando è finita l’adolescenza) :
In un banale giorno qualsiasi, cosa si può fare per evitare di sprecarlo, per evitare di buttarlo come si butta il latte fresco quando ci si accorge che l’abbiamo comprato per poi averlo lasciato scadere senza consumarlo?
Ovviamente parlo di “spreco” per sè stessi, cioè non mi dite che se ho fatto qualcosa di buono sul lavoro allora ho contribuito al buon (buon?) andamento dell’Italia…..!

Ogni giorno è un passo avanti lungo il nostro “miglio verde”. E non sappiamo quanto sarà lungo.
Cosa facciamo per goderci la vita? Per non sprecare il tempo, i giorni, i mesi, gli anni…….?

Oggi è martedì. Sono al lavoro in moto. Penso che stasera mi farò un giretto prima di tornare a casa… ma dove? A far cosa?  Mmmmmm….. Andiamo a casa và.

marito-moglie