Il libro del silenzio

Sto leggedo questo libro
che trovo non sia niente di speciale: è il classico libro preso in biblioteca, dove l’autrice cerca di allungare il brodo di un concetto che potrebbe essere espresso in 10 o 20 pagine (ma bisogna pur campare) e che mi viene istintivamente da leggere molto rapidamente 1 riga si e 2 no  cercando il punto dove inizia a farsi interessante (come praticamente col 90% circa dei libri, secondo il mio modo di vedere).

Tuttavia in qualche punto dice cose molto belle. Riporto un paio di pezzi:

2015-06-23 22.42.32.pngadesso salto e le prossime 2 immagine sono sequenziali ma separate da questa qui sopra:

2015-06-23 22.43.01.png 2015-06-23 22.43.55.png

Ecco, andando alla ricerca dell’immagine della copertina mi sono imbattuto in questo blog dove lo stesso libro viene definito “uno dei migliori che abbia letto negli ultimi anni
http://www.viva-mente.it/70-il-libro-del-silenzio.html
Mah…sarà che io son troppo pratico e mi piace andare al sodo: “massimo rendimento col minimo sforzo” è il mio motto, visto anche che alla sera ho gli occhi stanchi e un’ulteriore fatica deve valere davvero la pena.