Picnic di pensieri

20151129_122126Dopo tanti anni di distanza dalla mia fase da scapolo, rieccomi a provare ancora quella sensazioni di solitudine in completa e armonica compagnìa di me stesso.
Ogni tanto sento la mancanza di questo parlare da solo come in una sorta di auto-intervista o di reality in cui l’unico protagonista è anche spetatore.
Per goderne però è importante sapere che tutto è a posto, che la consorte non è offesa per l’ “abbandono”, quindi ho telefonato: tutto bene, non è incazzata 😀 Bon! Digerirò meglio i miei 2 panini.
Peccato non poter condividere tutte le giornate e tutte le esperienze, ma cosa si può fare se si hanno interessi diversi? Si deve vivere al 50% tutti e due?
Sarebbe meglio se ci fosse anche lei, sulla stessa lunghezza d’onda, ma va bene anche così piuttosto che niente.

20151129_130159

Grignetta e Grignone sullo sfondo

Finisco i panini e concludo il mio pic-nic con una sorsata di vino novello; mi godo il panorama e questo sole novembrino accendendo la pipa coi fiammiferi che mi sono stati regalati da una coppia di amici di ritorno da un viaggio in Polonia.
Ho anche altri fiammiferi e un accendino, ma con questi mi sembra che la fumata sia più buona, più meditativa. Accendo e penso anche a loro e alla loro estate in moto sotto la pioggia interminabile del nord Europa.
Ehh….
….E’ così vario il mondo….

Come distinguere il vero amore?

Questo articolo trovato casualmente tratta principalmente il motivo per cui si sente la mancanza di un ex, ma personalmente sono rimasto colpito dal criterio per distinguere il vero amore dalla semplice necessità nei momenti negativi
http://www.huffingtonpost.it/2015/11/10/non-manca-persona-ma-idea_n_8519994.html

L’articolo in sostanza ,per quanto riguarda il concetto che mi interessa, dice che non è vero amore se sentiamo la mancanza di lei (o di lui) soltanto quando stiamo male, bensì lo è se ci manca anche quando stiamo bene e vorremmo condividere quel momento felice.

Se guardi la tua vita e ti senti felice e la prima cosa che viene in mente è: “Se solo lei (o lui) fosse qui per condividere tutto questo con me …”, allora c’è una motivazione valida: ami questa persona.

Ovviamente m’ha stimolato l’auto-analisi e… ne scrivo qui, perchè so che mia moglie sbircia il blog 😀
Salto le ciance mielose e passo subito a guardare ciò che è nero su bianco: nel mio articolo riguardo la bivaccata di fine estate
https://sognatorefallito.wordpress.com/2015/09/04/lho-rifatto-si/
ho scritto:

“Peccato che non ci sia stata presente mia moglie: son sicuro che le sarebbe piaciuto”.

Sono salvo! 😀 😀 😀 😀
3c8c58ba3d311045c331c9d36f494c66