Viaggiare è anche una terapia (?)

Questa storia del viaggio terapeutico ,secondo la mia esperienza, è un’illusione: prima di partire si è convinti (chissà poi perché?) che quell’esperienza ci cambierà, ci farà capire, ci darà una svolta e torneremo cambiati, più saggi, più svegli, più “smart”.

Poi si torna e…….. abbiamo certamente passato delle belle giornate, ma la vita di sempre è lì che ci aspetta esattamente come prima e non siamo affatto più saggi, non abbiamo avuto l’illuminazione, Dio non si è rivelato e non ci ha dato alcuna risposta.
Siamo esattamente come prima, anche se… almeno… …ci siamo divertiti.
Peanuts - pt190814.tif
Altre volte si pensa anche che finalmente ci toglieremo quella soddisfazione, quello sfizio, dopodiché saremo pronti a immolare la nostra vita per sposarci, allevare figli, o per altre cause giuste ma un po’ noiosine. Come fosse una sorta di addio al celibato.
E invece….……. 1 grande abbuffata non può toglierci l’appetito per sempre. Anzi ripenseremo a quanto erano buone quelle succulente pietanze.
Peanuts - pt170328.tif

Annunci

MiniFerie 2019

Vorrei mettere nero su bianco questa magnifica esperienza che ho fatto, ma so di non poterci riuscire.
So di non essere abbastanza bravo a scrivere, ma so soprattutto che certe cose non si possono spiegare. Nemmeno lo scrittore più bravo riuscirebbe a trasmettere sensazioni che sono generate non solo dall’evento in sé ma anche da un passato lungo una vita e dallo stato d’animo personale di chi lo sta vivendo. Almeno non se ha a disposizione un solo articolo di blog.

Non so nemmeno come cominciare. Troppe emozioni mi girano nella memoria e nemmeno 1 parola mi vien da poter battere sulla tastiera.
Quindi schematizzo. Metodo un po’ freddo, ma a cui io sono abituato anche per deformazione professionale.

Ho fatto un totale di 5-6 giorni disperso sulle montagne orobiche e tra i suoi numerosissimi laghi e laghetti, con tenda, sacco a pelo, materassino, poncho impermeabile, acqua, indumenti, numerosi altri oggetti più “leggeri” (se considerati singolarmente), per la maggior parte dei giorni a quote comprese tra i 1900 e i 2300 metri, quindi con temperature tra i 5 e i 15 gradi (figaaaataa!), alternando ciclicamente:

  • camminate impegnative (almeno per me e con quel peso sulle spalle)
  • sorprese, novità, nuove esperienze, nuovi paesaggi, nuove difficoltà, nuovi laghi, nuove persone, nuovo modo di fare escursioni e di vivere le giornate, ecc
  • gradevoli mangiate nei rifugi con “sconosciute compagnìe” (per dirla alla Vasco/Battisti)
  • fredde serate a far foto al buio e/o chiacchierando con compagnìe diventate ,ora di sera, un po’ meno sconosciute
  •  diverse notti in tenda in compagnìa di me stesso, sorvegliato dalle stelle e ,chissà, forse da dio
  • 1 notte in un bivacco a 1:30 ore dalla prima anima viva, con un MAGNIFICO temporale notturno (lampi, tuoni e una emozoinante pioggia battente sul tetto, mentre ero nel mio bel sacco a pelo)

Ho vissuto anche un nuovo modo di passare il giorno del mio compleanno e il ferragosto: un modo un pochino solitario ma ,dopo 44 volte tradizionali, direi che ci sta di sperimentare anche questa variante!
DSC_0949.JPG

Ho conosciuto persone di cui ,di alcune, non conosco nemmeno il nome. Con alcune ho chiacchierato del più e del meno, con altre mi sono lasciato andare a parlare anche di cose personali al termine di una lunga serata con fiumi di vino e grappa e genepy e sambuca (notare le “e”).
Tutte erano diverse da quelle che ho sempre frequentato negli ultimi decenni e la cosa mi ha… colpito, stranito… né in modo piacevole né in modo spiacevole, ma di certo non mi è passata inosservata: i discorsi, gli indumenti, il modo di vivere più sano, il divertirsi in modo meno chiassoso, ecc.

Insomma, attività fisica anche molto faticosa anziché centinaia di km di asfalto,
indumenti sportivi in tessuto sintetico anziché caschi e giubbini in cordura,
quechua e forclaz anziché dainese e giudici
discorsi di vita outdoor a piedi nella natura anziché di motori, viaggi in autostrada, mangiate, concerti rock.
Non so… non è questione di meglio o peggio del mio passato da motociclista… però… boh… non so. Di sicuro il passato mi manca e questo riesce a addolcirmi molto il cambiamento, la trasformazione, la trasizione tra le diverse fasi della vita.
Di certo si può chiamare resilienza. Ahhh la famosa resilienza…!
Però non so se potrà mai essere una passione così……..come dire…”totalizzante”.
Ma forse nella vita non c’è niente di davvero totalizzante: si passano gli anni come meglio si riesce, senza mai poter dire “ooooh, finalmente adesso ho trovato un punto fermo, adesso so cosa sono e come andrà la mia vita da adesso in poi“. Mai.
Mai.
E ancora mai.
Nemmeno quando si crede ,si è sicuri, di poterlo dire.

Boccata d’aria dal “carcere volontario”

Walden, ovvero vita nei boschi

Walden, ovvero vita nei boschi

Oggi ,prima di iniziare il lavoro, ero nel cortile della ditta a respirare l’aria fresca della mattina prima di entrare definitivamente in “cella” e ho avuto uno strano pensiero, forse favorito dalla lettura -ieri sera prima di addormentarmi- di un capitolo del libro in cui l’autore parlava dell’acquisto di un piccolo e semplicissimo baitello/cascina di montagna per andare a vivere in mezzo al bosco.
Mentre fissavo un punto lontano e lasciavo correre la mente, sentivo i rumori, le auto che passavano, i colleghi che parcheggiavano e nel sottofondo il cinguettìo degli uccellini…  e ho pensato che sto diventando intollerante ai rumori della civiltà, che vorrei vivere più vicino alla natura.
Però mi sono detto:“Eh sì, però in fondo in fondo ti piace questa vita, perchè ti piace non tribolare per raccimolare i soldi che servono per campare! Ti piace startene bello tranquillo e paciuso in uffio con lo stipendio fisso e sicuro anzichè andare a inventarti chissà quale diavolo di lavoro pesante, scomodo e dall’introito incerto, in qualche borgo di montagna!”.
Pensiero successivo: “però ,economicamente parlando, avrei la possibilità di accettare di guadagnare meno (anche perchè spenderei meno), per fare una vita che mi piace anzichè una vita che lascio scorrere passivamente in attesa della fine!“.
Che deficente che sono: per pigrizia mentale, continuo a preferire la rassicurante e preconfezionata routine. La odio e la amo contemporaneamente.

Sì ma ipotizziamo di farlo davvero. Soldi a parte, cosa andrei a fare? Sinceramente non mi ci vedo a mungere vacche e fare formaggi da vendere in paese. Sicuramente finirei a fare il cameriere in un bar-ristorante, il falegname (il “bocia”, il “monta sù”), l’idraulico, l’imbianchino… allora tanto vale che me ne sto in ufficio e nel weekend vado in montagna.
Poi vedo su teleunica.com un servizio sul rifugio Grassi con l’intervista ai rifugisti… e… mah…

Poi il pensiero si allarga. Sono fatto così: per comprendere un concetto lo amplio il più possibile per poterlo vedere a livello globale, filosofico.
Non ho figli, cosa faccio in cima a una montagna oltre a passare un giorno di seguito all’altro? A cosa serve il susseguirsi dei giorni? Ma in fondo il discorso vale anche per chi ha figli: in ogni caso è un susseguirsi di giorni fino alla morte, e anche i figli creperanno prima o poi.
In ufficio o in montagna, con la sindrome da peter-pan o con i più nobili scopi nella vita, altro non facciamo che trascorrere quel lasso di tempo tra la nascita e la morte.

Ok, basta così, mi devo fermare perchè pensare troppo, aprire troppo gli occhi, uscire dall’illusione, fa male. Come disse Manzoni (o ,sembrerebbe, un certo Morandotti), “troppo cibo rovina lo stomaco, troppa saggezza l’esistenza”.

NUOVA APERTURA!!!

Bene, dopo aver seguito a lungo soprattutto il magico e ineguagliabile blog di Romina http://oltreilcancello.wordpress.com ho deciso di crearne uno anch’io, perchè commentando negli altri blog mi sono reso conto che è piacevole esprimere i propri pensieri… e ne ho parecchi, ma non posso aspettare che qualche blogger posti per coincidenza un articolo sul tema che io ho in mente! 🙂
Adoro (anche se riesco di rado) sedermi all’aperto, fissare un punto nell’infinito e elaborare pensieri. Entro come in uno stato di trance e dopo devo scrivere alla svelta quei quattro punti chiave delle idee che ho partorito, perchè ho paura di dimentacarmeli come succede coi sogni onirici.

A dire il vero ne avevo già creato uno http://sognatorefallito.blogspot.it/ (com’è imbarazzante rileggere le stupidate che ho scritto anni fa 🙂 ) , ma l’ho abbandonato quasi subito perchè ne era venuto a conoscenza un mio collega di lavoro… e io preferisco mantenere ogni aspetto della vita confinato al suo posto.
E poi anche perchè in fondo…sì… mi sono scoraggiato perchè non sono mai stato bravo a scrivere articoli con quel linguaggio forbito e poetico: ho sempre preferito frequentare il rozzo mondo dei commenti agli articoli degli altri.
Comunque chi mi vieta di scrivere ciò che mi passa per la testa, seppur nel mio modo impacciato? Del resto si scrive principalmente per sè stessi, per sfogarsi. Certo è meglio se poi il nostro sfogo cattura l’attenzione di qualcuno, soprattutto se può commentare esprimendo un suo punto di vista.
Direi che condivido pienamente ,parola per parola (incredibile: dalla prima all’ultima..è quasi imbarazzante), questo pensiero: http://www.ilquotidianoinclasse.it/2012/02/si-scrive-per-se-stessi/
E’ magnifico! L’ho trovato per caso e sembra che l’autore abbia tradotto in parole ciò che m’ha letto nel pensiero.
Ecco, vedete? Io non ci riuscirò mai a fare una cosa simile. Ma cosa importa? Faccio ciò che mi piace, come posso, come mi diverte. Se mi diverte.
vietato-calpestare-i-sogni