Recensione tenda. (solo montata, non ancora provata)

Con lo scopo di riuscire a portarmela sulle spalle per evitare di dormire nelle camerate dei rifugi (già provato più volte e sempre dormito… non male: malissimo), ho preso la tenda più leggera che sia riuscito a trovare:
http://www.viridea.it/superofferte/tenda-monodome-x2/
Con lo sconto l’ho pagata 19 euro e secondo me è quello il suo valore.

Su internet di trova in varie colorazioni e con nomi diversi (ma è sempre lei) a prezzi simili più spese di spedizione, mentre non si riesce a trovare alcuna azienda ufficialmente produttrice.
Secondo me c’è una fabbrica in qualche paese orientale che le produce per tutti i distributori occidentali, con colori, loghi e cartellini personalizzati.

Oggi ho provato a montarla nell’ora di pausa lavorativa, tanto per controllarla:
– pesa poco! (e potrei ancora eliminare qualche picchetto).
– è più grande di come pensavo.
– le stecche sono più sottili di quelle in dotazione nelle tende “normali”, penso per che sia per renderla più leggera.
– si monta e si smonta veramente in pochissimi minuti: non ho cronometrato il montaggio (anche perchè ho dovuto prendere tempo per memorizzare la piegatura originaria) ma per smontarla (che è peggio) c’ho messo 4 minuti.
– la qualità generale è da… da 19 euro. I sacchetti per palerìa e picchetti sono di cellophane…

Spero di poterla usare almeno 2 o 3 volte prima che inizi a distruggersi 🙂 In particolare mi fanno paura quelle stecche: la prima volta che ci sarà vento si romperanno come le ossicine delle cosce di rana (ma non con lo stesso piacere).

Non credo che ci farò mai delle nottate solitarie prima di andare in ufficio, come invece mi suggerisce qualcuno… 😀 ma conto di usarla qui, se non magari anche prima: http://www.ersaf.lombardia.it/servizi/eventi/cerca_fase03.aspx?ID=7190&mp=1

20160530_124652 - Copy  20160530_125547

Annunci

Di nuovo in bici

come-andare-a-lavoro-in-bici
Eccomi alla prima volta al lavoro in bici, dopo il trasferimento dell’azienda nel nuovo capannone, un po’ più lontano.
L’inizio è stato una tragedia: nei primi 200 mt hanno tentanto di tirarmi sotto 2 volte e nei 12 km totali m’è caduta la catena 3 volte. Devo avere un problema alla ruota libera; oggi in pausa la guardo.
Mah… mi piaceva di più la strada per andare al vecchio posto di lavoro. Comunque l’importante è farlo, avere (e formare) il fisico, la salute, il tempo, il lavoro non eccessivamente distante e con la libertà dell’orario flessibile e di potermi dare una lavata quando arrivo.
Quindi ,quando nell’ora di punta mi trovo a fare sport all’aperto, mi sento in ogni caso un privilegiato.